Nell’infanzia dell’urbanistica digitale stiamo sperimentando una nuova forma di convivenza. Gli abitanti del vicinato non si scelgono, si convive con quelli che capitano. E in Rete?